21 aprile 2017

#POESIA: FESTINA LENTE


Monaca buddhista davanti al Lago Yamdrok Tso in Tibet
Non metto fretta ai pensieri 
perché sono come nuvole
fanno ghirigori in cielo, lo accarezzano 
per pietà, amore
o  qualsiasi altro sentimento
ma non possono restare.
Il cielo accoglie ciò che il vento fa e disfa, 
emana spazio per assumere qualsiasi forma
prima di scomparire e trasudare vuoto.
I pensieri non possono restare
così come le emozioni, i ricordi, 
le speranze, i timori
mi spettinano 
come se ci soffiasse sopra
una brezza leggera
e poi rimangono tracce ...
ma non hanno niente di me
non sono me.
E sorrido all'incongruenza della meraviglia
di ogni angolo di mondo
che proietta nella mente
qualcosa a cui dare un nome 
approssimativo
e il più velocemente possibile,
prima che il vento se lo porti via
e non rimanga che la gioia di un momento, 
silenzioso e impronunciabile
di un orizzonte nitido 
di un sussurro d'anima
che si attorciglia al cuore
quasi a volergli ricordare:
festina lente!



Affrettati lentamente...

(Cecilia Martino)


***Il Po. Mi piace stare accanto al fiume che scorre. Si porta via tutto il superfluo di me...***
        
ILLOGICAMENTE 


"Prendete la dolcezza di tutto, sedete con tutto, prendete il nome di tutto, dite sì, sì, sì - ma tenete fermo il vostro sedile"(Tulsidas)

Altre poesie
La geografia del mio corpo
Quando incrocio le gambe

Distinti ma non separati
Amore e Psiche



Capoverde, Boa Vista

Nessun commento:

Posta un commento