13 aprile 2021

Voci poetiche | Sorgente


In serbo per chi si reca alla Sorgente c'è il sorgere del sole.

Sorgente, che Sorge, azione non conclusa bensì in essere. In Essere sì. 
Sorgente, il sostantivo : luogo da cui sgorga qualcosa e centro propulsore dello stesso sgorgare.
La fonte, parola che disseta.
Sorgente, il participio presente: verbo aperto, dichiarante un'abbondanza che nasce, l'agente della nascita, del sorgere, o risorgere.
Allude sempre al sole il linguaggio vibrante che osa parlare di Dio, Dio non come un oggetto (nemmeno di devozione, quello sarebbe solo un concetto) ma come una Direzione.
Ha sempre a che vedere con una scelta, sapere dove dirigere lo sguardo. 
Sapere è vedere, sorgere è visione, sorgente è la fine della sete.
È gioia sorgiva.

Il Rig Veda poeticamente fa riferimento al movimento del ricercatore devoto delle verità spirituali come a una crescita luminosa sino allo stato più elevato dell'essere, grazie all'azione della luce risplendente del sole divino della Verità, di 
"quel Sole di Verità che sta nascosto nelle tenebre" della ignoranza. 
Non sapere (avidya, ignoranza) non fa scorgere la luce della Sorgente. 
Tornare alla sorgente evoca meravigliosamente un ritorno a casa, alle origini, là dove tutto è unito e l'acqua è fluttuante, pura, trasparente, sorgiva, non ancora diramatasi nella molteplicità dei tortuosi sentieri. 
Ma la Sorgente è sempre lì, fresca radura dove prendere rifugio con gentile disponibilità di cuore. Sempre a disposizione, un non luogo a cui l'anima è intimamente prossima, immersa in ricordi che esulano dalle memorie storiche. Che esulano dalle credenze incise sulla pelle. 
È la fine di ogni dramma personale, il perno di un eterno momento di animazione, anima in azione, a riposo nel brodo cosmico, a riposo nella mondanità come cosa tra le cose, semplicemente a riposo. 

Instagram @ceciliaisha




La sorgente - Antonia Pozzi

Al tuo monte
che il vento esilia
dietro siepi di gemme chiuse
risali in sogno:
vinci a strappi il tuo peso tra le pietre.

E nasci
vena bianca nell'attimo d'azzurro,
nudo canto proteso
oltre le nubi
mute.

Ma cada un raggio – ed è risveglio:
in terra
muore a singulti la tua vita effimera.

Acqua di stagno
ti spaventa – ora – la voce
ridestata del vento,
lento ti beve
il sole
tra le canne sconvolte.





Tornare alla Sorgente
Nei tuoi passi il tuo sentiero
€ 13,00

Come le Vene Vivono del Sangue
Vita imperdonabile di Antonia Pozzi
€ 13,00

Il Mestiere del Dare
€ 8,00

IllogicaMente
€ 7,00

08 aprile 2021

Voci poetiche | Avere presente

Non fissarti su ciò che vorresti fare accadere, ma osserva ciò che vuole succedere attraverso di te.
C'è sempre un più esteso piano nello stato di grazia, nessuno rimane nessuno, resta nessuno ed è la più grande benedizione.
Un punto di fuga in prospettiva non ammette prigionieri, è un inizio senza fine, un moto, un verso, una direzione. La strofa di un momento pieno.
Rimanere ai margini del nulla, e del mondo inventato, quale liberazione!
C'è una realtà più onesta e integralmente viva, se ci si arrende all'evidenza sensibile di impermanenze preziose, delicate caducità dal suono corroborante.
Hai presente la fioritura dei ciliegi?
Ci sopravanza sempre l'eterno, eppur cadiamo. Perché i frutti maturi cedono la gravità alla Terra, che è madre e mentore, pietanza di fermenti quotidiani.
Ciò che cade ha sempre presente il cielo, ne è intriso, altrimenti non potrebbe cadere. E la sua caduta è una danza con il timbro dell'accadimento spontaneo.
Accadere, cadere, caducità.
Avere presente, sì. Perché è l'unica cosa che abbiamo ed abitiamo, ed è un dono.
Hai presente qualcosa che ti sta a cuore?
È il segreto di ciò che realmente Sei.
Un passo ulteriore, avere presente e basta, perché basta davvero. Non tutta l'attesa davanti e non tutta la memoria indietro. All'appello della vita si risponde sempre e solo: Presente! 

DOVE IL CORPO VIVE: 17 SPUNTI SENSORIALI PER INCARNARE PRESENZA


COME ATTUALIZZARE LA POTENTE VISIONE POETICA DI RILKE - ELEGIA VI - IL "PURO SEGRETO" DEL FICO


Instagram @ceciliaisha




Il Miracolo della Presenza Mentale
Un manuale di meditazione
Voto medio su 12 recensioni: Da non perdere
€ 11,00

Ecologia della Parola
Il sale, lo sguardo, le stelle, l'aratro, il dono... per un altro modo di sguardare la realtà
€ 12,00

Il Mestiere del Dare
€ 8,00

Haiku
Il fiore della poesia giapponese da Basho all'Ottocento
€ 11,00

IllogicaMente
€ 7,00

06 aprile 2021

Il significato del mantra Om Namah Shivaya

Lo sguardo rivolto verso l'alto, verso l'aperto: visione interiore, poetica, yogica, unitiva

La spiegazione  che segue è liberamente tratta dal libro:  La legge eterna dell'Amore .

Om Namah Shivaja è il Mahamantra (Grande Mantra) che sinteticamente significa "Sia fatta la Volontà del Signore".

Ma qual è la Volontà del Signore? A "cosa" si riferisce il Mahamantra?

La chiave è data dal nome "Shiva", che letteralmente significa "Buono", "Bontà".

Cerchiamo perciò di interpretare bene il Mahamantra poiché esso deve essere realizzato nella profondità dell'Anima umana, dietro la quale Dio sorride.

Questa è quindi la vera interpretazione del Mahamantra: 

OM è il Verbo, il suono della Creazione, è l'Onda più lunga e più piena di Pace che esista nel Cosmos.

NAMAH significa Lodare. Io Lodo Shiva. Shiva letteralmente significa "Buono", "Bontà".

SHIVAYA vuol dire "il massimo della Bontà".

Perciò con questo Mahamantra io chiamo, lodando, l'aspetto migliore della massima Bontà di Dio. Quindi Om Namah Shivaya è un "incantesimo" attraverso il quale io richiamo tutta la positività dell'intero Universo, vedendo il buono in ogni cosa, in ogni creatura, poiché il "buono" attira, per sintonia, la stessa qualità.

Realizzare il Mahamantra significa vedere il buono e Dio in ogni viso, in ogni creatura, in ogni cosa.

1080 Om Namah Shivaya - CD Audio
Collezione meditazioni audio - Oltre il 2012

Voi dovete nutrirvi della vostra Bontà, della Bontà della natura, di tutto ciò che esiste, e della Bontà dell'altro, poiché nessuna creatura è totalmente malvagia: la scintilla dell'Anima di Dio, qualcosa di Buono, risiede sempre in ogni creatura. E voi dovete nutrirvi di tutto ciò che è bello, buono, giusto, poiché quello è il Cibo migliore che vi fa crescere verso l'Armonia Cosmica e verso Dio.

Shiva danzante, la gioia è la vibrazione originale della Creazione nell'amore puro, la Sorgente

Cercate il Cibo migliore facendo vostre le Buone qualità degli altri, comprese quelle dei vostri cari che vi hanno abbandonato in questa vita. Fateli vivere vedendo in essi solo il Buono: fatelo vostro, affinché voi possiate crescere e così anche loro, poiché tutto ciò che è buono permette la crescita insieme per sintonia. Attraverso il Buono, il "di là" e il "di qua" si uniscono, le barriere cadono, ed avviene la fioritura universale, poiché i vostri cari, quando non sono più in vita sulla Terra, sono guidati da voi e possono crescere solo attraverso di voi, in quanto tutto è collegato, tutto è interdipendente, tutto è Uno. … 

Attraverso la vostra crescita nel Buono, anch'essi crescono. Voi ora siete le loro guide. Fateli vivere. Il buono è la vita.

Cercate e assimilate in voi tutte le cose vere, belle, buone, giuste. Non fatevele sfuggire: cercate sempre di riconoscerle e vedete solo quelle. … Vedete il bene nel male, perché il bene c'è sempre: è solo in attesa di essere scoperto da voi e portato alla Luce.


Ad un uomo era morta la moglie, ed i suoi amici lo vedevano prostrato a terra, sofferente e pieno di lacrime. Poi, improvvisamente, si alzò da terra e si mise a ridere, a gioire e a ballare. "È forse impazzito?" si domandarono gli amici. Ma lui rispose: "No! Non sono pazzo. Rido solo di me stesso e sono contento. Prima ero solo uno stupido perché pensavo male. Ma ora che ho pensato che mia moglie non soffre più per i suoi mali fisici e che ora si trova in un posto più bello di questo, mi è sembrato stupido e inutile continuare a piangere. Perciò rido di me stesso, di quanto ero stupido.
Ora ho la visione giusta e sono pieno di contentezza. Così quell'uomo vide il Buono, il bene nel male, e fu salvo. Vedere il bene nel male rappresenta "Shivaya", il "Massimo della Bontà".

Se voi state male è perché state male: questa è la verità. … Tutto è creato dalla mente, tutto è conseguenza della mente: essa può crearvi e distruggervi a seconda di quello che pensa. Voi diventate ciò che pensate: questo è l'Eterno Mistero. Si diventa ciò che si pensa: questo è l'Insegnamento Supremo. …

La Potenza del PensieroVoto medio su 9 recensioni: Da non perdere
San Francesco vedeva il bene, il Buono, ovunque, anche nella morte, chiamandola sorella morte, e così via: fratello foco… sorella acqua… Lui cantava, era sempre allegro, poetava, lodava e glorificava il Signore e tutte le Sue Creature in ogni istante del giorno e della notte, perché aveva compreso la Sorgente di Tutto, la Fonte della Luce, vedendo l'Amore di Dio, il bene, il Buono, in ogni cosa… Francesco lodava perfino i lati negativi, sapendo che da essi, dal malcontento, dal dolore, sarebbe nata, alla fine, la ricerca verso una qualità migliore di vita..

San Francesco: le Verità Nascoste
L’amore per Chiara, i Templari, i Sufi i Catari Tutti i misteri di Assisi
Voto medio su 8 recensioni: Sufficiente

Paura, timore… sono la morte, l'amore è la vita. Perciò 
espandetevi invece di chiudervi. Usate la vostra mente sempre unita al vostro cuore, poiché ciò equivale a Saggezza, Coraggio, Amore. E Dio è Amore.

Nutritevi di SHIVAYA, del MASSIMO DELLA BONTA'. 

"Nulla, dunque, di voi tenete per voi, affinché vi accolga tutti Colui che a voi si dà tutto". 


LE 9 QUALITA' DI CUI NUTRIRSI, IL CIBO DIVINO 

Con i suoi 9 diamanti della Bontà, Bellezza, Purezza, Verità, Giustizia, Tenerezza, Saggezza, Utilità e Creatività costruite una corona di Luce da posare sulle vostre teste, per essere Re e Regine dell'intero Universo, poiché quella corona di Luce è l'unico Cibo che vi nutre e sostiene. Uno solo di questi diamanti, o di questo Cibo Divino, vi farà raggiungere gli altri otto diamanti, tutte le vette, e così sarete nutriti da Dio stesso. Scartate quindi tutto ciò che è cattivo, brutto, falso, ingiusto, insensibile, inutile, meccanico … Cercate di non vederlo in nessuna creatura poiché, anche se esistesse, non serve a nulla.
Non fissatevi sul cattivo poiché vederlo vi trae in basso e non vi permette di essere pieni di gioia e di volare in alto, dal momento che la vostra altezza dipende dalla vostra bassezza, ossia dal vedere il marcio ovunque, dalle vostre lamentele, dai vostri giudizi, dalle vostre critiche e dalle vostre autocommiserazioni.

Se siete così pesanti, come potete volare verso l'alto? 

Vedete il Buono, nutriteLo con le vostre attenzioni e realizzateLo al massimo. Esso vi condurrà sulla vetta più alta della montagna e da quella vetta potrete vedere tutte le qualità e virtù più alte in voi stessi, tutte le vette dell'Universo, e "toccare" Dio con un dito.

Che tutta la vostra vita sia permeata di Bontà, pensate sempre e solo con il vostro cuore e lo spirito volerà in alto fino al Massimo della Bontà, OM NAMAH SHIVAYA. 

(Questa spiegazione è liberamente tratta dal libro: La legge eterna dell'Amore)

La Legge Eterna dell'AmoreVoto medio su 13 recensioni: Da non perdere
€ 23,00

Personalmente, affido al mantra Om Namah Shivaya la potenza liberatrice del "Sia fatta la Tua volontà", il Surrender, la resa dell'ego, il rimettere ogni mia azione e ogni respiro all'ESSERE, una qualità superiore di Esistenza, una Forza, una Fede nel Processo stesso di crescita, maturazione, evoluzione, in una parola: VITA! 

Una ricchezza, un ritmo, una danza, una sorpresa, la singolarità della scienza dello spirito, il miracolo! La vita ha più fantasia di noi e le vie del Signore non sono le nostre, per cui di fronte al mistero, quantunque a tratti doloroso nelle forme assunte dall'incarnazione fenomenica, mi piace consacrarmi: Om Namah Shivaya! Sia fatta non la mia (del mio piccolo sé egoista) ma la Tua volontà che è volontà del Sé Superiore, purificato dai desideri dell'ego. Ed è la volontà dell'Universo intero, la grazia salvifica dell'uscire dalla visione ristretta del punto di vista personale.

"Io ci metto il Cuore, purificato, al resto pensaci tu!". Rimango sensibile al mondo ma non lo patisco negli eccessi di identificazione a ciò che è mutevole, passeggero, nuvoloso. Rimango salda nella Verità del Sole che sorge ogni giorno e, ancora più in profondità, nella Bellezza senza oggetto dello sfondo luminoso da cui ogni possibilità si compie, la perfetta vacuità.

Raffigurazione di Shiva nel gesto dell'Unione di coscienza individuale (dito indice) ed energia cosmica (pollice), Chin Mudra

È una presa di posizione interiore la visione unitiva (yogica), poetica, celebrativa, trasfigurante dell'Om Namah Shivaya! Dio - che è pienezza di vita a tutti i livelli - non è un oggetto, è una direzione. Letteralmente "Peccare" vuol dire mancare il bersaglio, sbagliare mira… Mantenere la mira sensibile e vigile verso ciò a cui tendere costantemente il respiro di ogni singolo istante di vita che, solo perché vita, è già di per se stessa una Benedizione, è mantenersi in una ampiezza di sguardo dove non esiste più né il peccato né il peccatore. 

Ogni cosa accade per un fine più ampio e per il Massimo Bene. Realizzare questo non intellettualmente, incarnarlo ed emanarlo è il più grande Dono.

Om Namah Shivaya!

www.ceciliamartino.it

IL SIGNIFICATO DEL GAYATRI MANTRA, ESSENZA DELLE UPANISHAD

IL SIGNIFICATO DEL MANTRA OM ASATO MA

COSA SIGNIFICA IL MANTRA OM E COME RIPETERLO

OM NAMO BHAGAVADE, IL MANTRA DI LA MERE E AUROBINDO

Yoga - Armonia - Potenza - Saggezza
Lo yoga dei grandi maestri
Voto medio su 2 recensioni: Da non perdere
€ 21,50

Gheranda Samhita la Scienza dello Yoga
Traduzione dal sanscrito e commento di Ma Yoga Shakti
Voto medio su 5 recensioni: Buono
€ 18,50

Il Canto dei Mantra
Vibrazioni sonore per la pace mentale
Voto medio su 18 recensioni: Da non perdere

Mantra e Meditazione + CDVoto medio su 5 recensioni: Da non perdere
€ 22,50