11 maggio 2022

Yoga nei luoghi di natura | Tornare alle origini poetiche


Il “ritorno alla natura” è non solo un modo di dire, ma di essere e di direzionarsi. 
Rivolgendo lo sguardo ad Est (Oriente, il sorgere del Sole), letteralmente ci si orienta … 
Connettersi alla nostra vera natura è Yoga, Unione a tale essenza libera, non condizionata, ampia, rilassata, quieta, spaziosa, atemporale. 
I modi per riconnettersi, utilizzando l’antica sapienza organica yogica, sono: 
la lentezza dei movimenti, l’attenzione al processo (il verso) e non alla meta (asana finale)
accorgersi di ciò che è invisibile ma che ci anima: il respiro, la bioenergia del prana

Nell’etimologia della parola sanscrita Yoga è racchiuso anche il senso del “giogo” (yug) che allude al liberarsi dal giogo dell’abitudine. Come? 

Percepirsi in maniera totalmente diversa, in una prospettiva più ampia (orientamento, direzione), schiude una dimensione di apertura che ci riconnette con i ritmi della vita universale, con i ritmi cosmici che possiedono un ordine invisibile dietro al caos che solitamente percepiamo. 

"Ogni yoga è, per la sua natura, una nuova nascita; è una nascita fuori della vita ordinaria, della vita materiale mentalizzata, in una superiore coscienza spirituale, una più grande e divina esistenza." (Sri Aurobindo) 


Location: la splendida Ca' di Luna, Fattoria Biologica a Recanati.
Da qui il sapore del mondo mi conduce ogni volta al sale della vita.

Osserva un albero, un fiore, una pianta. Lascia che la tua consapevolezza vi si soffermi sopra. Come sono calmi, come sono profondamente radicati nell'Essere! Permetti alla natura di insegnarti cos’è la quiete. (Eckhart Tolle)


Lo Yoga - quale sapienza pratica di tale nuovo Orientamento allo stato naturale dell’Essere - aiuta a familiarizzare con questo ordine armonico invisibile, superando i limiti della percezione ordinaria impregnata di confusione, disarmonia, malessere etc.
Il benessere (ben-Essere) integrale deriva da questo riconsiderarsi nell’ottica di una visione più ampia e nel percepirsi empiricamente in tale dimensione. Per assaporare una tale adesione concreta alla vita che si compie istante dopo istante, può aiutarci la percezione tattile dell’esistenza, il ritorno a una sensibilità vigile e rilassata che affonda le sue radici nella spaziosità luminosa e silente della nostra natura spirituale senza tempo. 



Il poeta Emerson parlava della Poesia come un “Assumere una posizione centrale nell'universo”, qualcosa che suggerisce uno spostamento di visione nello spazio. 


Questa nuova visione - poetica, yogica, spontaneamente contemplativa - illumina l’ordinario di nuova luce.
Percepirsi sotto una nuova luce non è una acquisizione logica concettuale, ma un accadimento organico, ovvero una esperienza che passa attraverso il corpo e ogni sua cellula, altrimenti rimane pura astrazione mentale. Ecco perché nel cammino realizzativo-evolutivo il corpo ha una funzione fondamentale, non va nè negato nè mortificato nè represso, bensì liberato. 


Gli yogi delle tradizioni autentiche hanno sempre visto il calderone grossolano materiale quale componente imprescindibile per il compiersi dell'alchimia trasformativa spirituale. 

Yoga è incarnare tale visione unitiva, espansa, luminosa, intimamente poetica e vitale, organica.

Organico è l’opposto di meccanico.
Sentire con tutto il corpo lo slittamento percettivo che allontana dal nostro modo normale di vedere le cose vuol dire riappropriarsi della nostra vitalità intrinseca nell'essere organismi intimamente interconnessi e non macchine automatiche separate da “tutto il resto”.

Le ultime parole del Buddha sul letto di morte indirizzate al suo discepolo più vicino, Ananda, furono questo consiglio spassionato: “Sii una luce per te stesso” … 

Scoprire la nostra propria natura autentica, chi veramente siamo a prescindere dal nostro senso di identità illusorio e dalle invenzioni della nostra percezione ordinaria. Oltre l’apparenza, si può esplorare il reale.
Questa esplorazione è concessa a chi si accosta con umiltà, fiducia, apertura a pratiche di indagine interiore in consapevolezza quali yoga e meditazione. 

Parole dalla Quiete
E' la quiete che salverà e trasformerà il mondo
Voto medio su 8 recensioni: Da non perdere
€ 12,90


“Se percepisci la natura solo con la mente, con il pensiero, non riesci a sentire la sua vitalità, la sua essenza. Vedi solo la forma e non sei consapevole della vita al suo interno, del mistero sacro. Il pensiero riduce la natura a materia prima da usare nella ricerca del profitto o del sapere o di qualche altro fine utilitaristico. Le antiche foreste diventano legna, l’uccello un progetto di ricerca, la montagna qualcosa da scavare o conquistare. 

Quando percepisci la natura, lascia che ci siano spazi privi di pensieri, privi di mente. Se approcci la natura in questo modo, essa ti risponderà e prenderà parte all’evoluzione della coscienza umana e globale” (Eckhart Tolle)


Il Mestiere del Dare
€ 8,00


Location: la splendida Ca' di Luna, Fattoria Biologica a Recanati.
Da qui il sapore del mondo mi conduce ogni volta al sale della vita.

 

meditazione

Nei fugaci attimi di visione non pensante

sono

io sono la realtà che vedo

inebriante vuoto d’essere

colmo di vita

nello scorrere diviso assorbo le illusioni

e sono

io sono

il supremo vagheggiare

dimentico di ogni particolare

mi ingloba l’aria e il profumo di infinito

tra le gocce dell’erba bagnata

momenti sacri

fermarsi non si può

negli occhi circonferenze divine

sottraggono la via del tempo

al mio vedere circostanziale

dove a volte l’angoscia m’assale

troppo piccola io

nella grandezza che m’ispira

(Cecilia Martino) 


IllogicaMente
€ 7,00


COME TORNARE ALLA POETICITA' NATURALE DELLA VITA

TEST PER IL CONTROLLO DELLE QUALITA' YOGA

TUTTI I GIORNI SONO YOGA






Nessun commento:

Posta un commento