30 gennaio 2018

CANTO ALLA LUNA



La luna a cui mi rivolgo
non ha né forma né colore
né lucentezza né chiarore
non oscura né abbaglia
non ammalia né illumina
non seduce né innamora
non ispira né respira
non traduce sogni, ricordi o speranze
in incantesimi o malie
non fantastica con il mio cuore
non mi riduce né mi estende
non fa l'amore nè la guerra
non alza né abbassa le maree
né la temperatura del mio corpo onirico
non accoglie ululati né preghiere
non finisce dove inizia il cielo
non si specchia in nessun lago
dal riflesso incantato
non si unisce al mio grembo per fecondarlo
non allatta i miei sentimenti
con sangue, ovuli e fermenti
non si presta a tutte le allucinazioni
che la mente ha creato
la luna a cui mi rivolgo non esiste
dentro a tutte queste parole
è il mio canto silente
di quando sono nuda e trasparente
e mi abbraccia come fosse una circonferenza cava
la mia danza dell'amore

(Cecilia Martino)


Se vuoi, lasciati ispirare da un haiku al giorno della mia raccolta AI MARGINI DEL NULLA 


Seguimi su Facebook: Cecilia Aisha Martino / Cecilia Martino 

www.ceciliamartino.it - FUORI DAI LUOGHI COMUNI




Beethoven - Sonata Chiaro di Luna 






Nessun commento:

Posta un commento