30 agosto 2014

Imparare a svanire: e se dopo la morte non ci fosse assolutamente nulla?


E se dopo la morte non ci fosse assolutamente nulla? 
Se lo spirito fosse nel corpo una sola medesima cosa destinata semplicemente a svanire? Fermatevi un momento a percepire che sensazioni suscitano in voi queste domande, retoriche o no che siano. A prescindere dall'esistenza o meno di una risposta, o di una “verità universalmente riconosciuta”  a cui appellarsi per uscire da questa impasse, è la reazione all’idea di scomparire che ciascuno di noi esperisce anche solo con una semplice domanda a trabocchetto, il dato davvero interessante, il punto da cui partire per  liberarsi eventualmente da quell’horror vacui su cui la cultura occidentale con le religioni escatologiche a seguito, ha fondato, legittimandolo, così tanta parte del suo potere. Potere di controllo fondato sulla paura. 
Paura di cosa? Di morire, appunto. 
Svanire, perdere tutto, perdersi
Perdere il controllo delle situazioni, le persone care, i beni materiali, e la lista sarebbe ancora lunga. Ma per perdere qualcosa, bisogna possederla e bisogna percepire quella cosa come “reale”.

E se sperimentaste che non esiste nulla, ma proprio nulla, di davvero reale, o quantomeno di così oggettivo e materiale? E se sperimentaste che non siamo altro che natura, che  partecipiamo della stessa sostanza del mondo naturale condividendo in tutto e per tutto le sue leggi, inclusa quella dell’inevitabile dissolvimento che procede alle due precedenti fasi di creazione e conservazione? E che niente ci appartiene veramente perché tutto è semplicemente proiezione di un sogno, di un’immagine, di una visione spontaneamente tendente all'armonia, alla bellezza e al ritmo che sono le uniche regole che la natura impone?
Che effetto vi fa pensare di potervi liberare da tutte le categorie di bene e di male, giusto e sbagliato, bello e brutto, che appesantiscono le teorie, tutte le teorie, incluse quelle new age o di ultima tendenza spirituale? Anche la riconciliante teoria dell’Uno è un fardello fintantoché rimane una teoria nella nostra dimensione esistenziale. Il punto è : c’è bellezza nelle nostre vite? C’è armonia (attenzione! Ho detto armonia, non bene né male: ci può essere armonia anche sperimentando la sofferenza…)? C’è ritmo? Oppure resistiamo ai cambiamenti sentendoci vittime di circostanze che ci soffocano? In tutte queste domande non ci sono risposte in cui l’ego possa trovare alcun tipo di gratificazione, dunque se qualche tremito di smarrimento unito a una insondabile vertigine di vuoto si è anche solo insinuata in voi facendo sussultare il cuore e mettendo a tacere l’ultimo neurone in stato di difesa, bene… fate un grosso respiro, quella è la strada per la libertà. E ci siete già…
Mi trovo davanti a una tazza di caffè d’orzo fumante quando Selene si lascia andare ad una riflessione in merito alle “teoria della reincarnazione” (attenzione, un’altra teoria!), dando alla sua voce l’intonazione di una frase che immediatamente tocca corde molto profonde: “questa ossessione di dover continuare per forza, di vita in vita, questa ostinazione nella ricerca della continuità, in fondo, cela la paura di svanire”.


Svanire. Svanire. Svanire.
Ho lasciato risuonare a lungo la vibrazione di tale parola, a seguito del felice incontro con Selene che me l’ha nuovamente evocata, richiamando alla memoria eco di beatitudini legate a un puro stato dell’esseresenza sforzo. Si può chiamarlo in molti modi: satori, samadhi, nirvana, medesimezza. Per viverlo, per vivere, bisogna saper morire.
Chi intraprende un percorso di autorealizzazione spirituale sa bene l’importanza del concetto del non attaccamento, ma qui si tratta di fare un balzo in avanti (anzi, in tutte le direzioni) direttamente nell'abisso della vacuità… Che è ben altra cosa! Per non tirarla troppo alle lunghe, mi permetto di suggerire a chiunque leggerà queste righe di “lavorare” per i prossimi giorni con le sensazioni che la parola SVANIRE suscita in lui/lei e di leggere più volte le domande da cui sono partita, senza giudicare o giudicarsi, semplicemente ascoltandosi.


Perché Colui che ha creato il mondo preferisce servirsi della tragedi per scrivere il libro del destino?”
Le urla di Elia riecheggiarono nella valle e gli ritornarono alle orecchie.
“Tu non sai quello che dici”, rispose l’angelo. “Non c’è nessuna tragedia, ma l’inevitabile. Tutto ha la sua ragione d’essere: devi solo saper distinguere fra ciò che è transitorio e ciò che è definitivo.”
“Che cos’è transitorio?” domandò Elia.
“L’inevitabile”.
“E che cos’è definitivo?”
“Le lezioni dell’inevitabile
(Monte Cinque, Paulo Coelho)

Monte Cinque Voto medio su 9 recensioni: Buono
€ 13,00

James Hillman - Il Cammino del «fare Anima» e dell'Ecologia Profonda - Libro + DVD Voto medio su 6 recensioni: Da non perdere
€ 17,50

25 agosto 2014

#YOGA: B.K.S. IYENGAR 10 PERLE DI SAGGEZZA


Non c'è modo migliore per celebrare un grande Maestro che ha lasciato la dimensione terrena, che mettere in pratica i suoi insegnamenti, senza costernazione protratta o senso di perdita. Prendere esempio da figure ispiranti vuol dire diventare come loro, né più né meno. Ciascuno di noi ha le potenzialità per farlo, se lasciamo cadere definitivamente il senso della separazione: anche ciò che ci appare più elevato e per certi versi inaccessibile, fa parte della nostra stessa sostanza. Non dimentichiamo che siamo fatti della stessa sostanza dei sogni, di dio, della pura luce, dell'energia primordiale o comunque si preferisce chiamarla. Torniamo ad essere ciò che siamo destinati ad essere con i mezzi che abbiamo su questa terra: mente, anima e corpo. Non solo chi pratica Yoga, ma chiunque può trarre profonde ispirazioni dalle parole di Iyengar.

1) La pratica dello yoga è una trasformazione graduale, da uno sforzo pieno di sforzo allo sforzo senza sforzo, che minimizza lo sforzo fisico ed esalta le qualità dell’intelligenza nell'osservazione e nell'attenzione, affinché il sadhaka (il praticante) possa utilizzarle per penetrare il proprio obiettivo: acquisizione della conoscenza e dell’esperienza spirituale

2) Quando inspiri, tu stai prendendo la forza da Dio. Quando espiri, ciò rappresenta il servizio che stai dando al mondo.

3) Lo yoga ci insegna a modificare ciò che non può essere accettato e ad accettare ciò che non può essere modificato.

4) Nello yoga c’è una cosa che dovete ricordare: la parte più debole è la sorgente dell’azione.

5) La pratica dello yoga aiuta il corpo pigro a diventare attivo e vibrante. Trasforma la mente, rendendola armoniosa. Lo yoga aiuta a mantenere il corpo e la mente in armonia con l’essenza, l’anima, così che i tre siano fusi in uno.

6) La meditazione deve cominciare con il corpo. Esso è il veicolo del Sé, che, se non è controllato nei suoi desideri, ostacola la vera meditazione.

7) Il mio corpo è il mio tempio, le asana sono le mie preghiere.

8) Perché pensate alla violenza del mondo? Perché non pensate alla violenza che è in voi? Tutti noi dobbiamo fare molto esercizio. perché senza disciplina non possiamo divenire liberi, né può esistere libertà nel mondo senza disciplina.

9) Qual è il vostro stato d’animo quando fate yoga? Qual è il motivo? Lo fate per migliorare il vostro aspetto allo scopo di essere più attraenti quando camminate per la strada? Oppure per educare il vostro io dal corpo all'anima? Se è vera quest’ultima ipotesi, lo yoga diventa spirituale.

10) Oggi non stiro più il mio corpo come quando avevo trenta o cinquant'anni, ma allungo la mia intelligenza all'interno di esso per espanderlo, ora la mia intelligenza stira il mio corpo.

(B.K.S. Iyengar, 14 Dicembre 1918 – 20 Agosto 2014)

YOGA, COME INIZIARE E PERCHE'





Consigli di lettura

L'Albero dello Yoga
Teoria e Pratica del Pranayama
Compendio di Teoria e Pratica dello Yoga
Teoria e Pratica dello Yoga
L'essenza degli Yoga Sutra - Libro
Vita nello Yoga

10 agosto 2014

Rumi: Dentro questo nuovo amore muori



Dentro questo nuovo amore, muori.
La tua vita comincia dall’altra parte.
Diventa il cielo.
Abbatti con l’ascia il muro del carcere.
Fuggi, fuggi.
Avviati come uno all’improvviso sorto dal colore.
Fallo ora.
Sei oscurato da una nuvola densa.
Scivola via di lato.
Muori e sii quieto.
La morte è il più sicuro segno che sei morto.
La tua vecchia vita era un frenetico fuggire
dal silenzio.
La luna piena, senza parole,
sorge adesso!


(
Jalaluddin Rumi)