16 aprile 2016

YOGA, RELIGIONE ED OCCULTISMO: LE PAROLE DI SWAMI VIVEKANANDA


Swami Vivekananda (1863 –1902) è stato il principale discepolo del guru Ramakrishna


























Che diritto ha un uomo di dire che ha un’anima, 
se non la sente, 
o di affermare che c’è un Dio, 
se non lo vede?
 Se vi è un Dio dobbiamo essere in grado di vederlo; 
se vi è un’anima dobbiamo essere in grado di percepirla; 
altrimenti val meglio non  credere. 
E’ preferibile essere ateo che ipocrita…

Queste parole sono di Narendranath, meglio conosciuto sia in Oriente che in Occidente come Swami Vivekananda, grande maestro indiano di magnetica personalità, fine eloquenza e pregnante spiritualità, il quale sul finire del XIX secolo produsse una profonda influenza in America gettando le basi per la costruzione di quel ponte ideale tra Oriente ed Occidente che, più tardi, avrebbe magistralmente proseguito anche Paramahansa Yogananda


"Per vedere chiaramente la nostra immagine, dobbiamo solamente pulire lo specchio" (detto Zen)
Riprendendo tra le mani casualmente uno dei suoi libri mi sono imbattuta in pagine di una modernità sconcertante soprattutto alla luce degli eventi a sfondo politico e religioso che stanno accadendo in questo particolare momento storico. Scelgo, pertanto, di  riportare direttamente alcuni brani lasciando che a parlare sia lo stesso Vivekananda, certa che  chiunque possa trarne le conclusioni che più si addicono alla propria personale evoluzione e, che andando ciascuno per via diretta alla base originaria di ogni  cosa – la via che, da oltre 4000 anni insegna lo Yoga in forma di scienza e non di credenza – vi sia l’incontro infallibile con quella beatitudine (Ananda) che ci spetta per diritto di nascita. I brani che ho estrapolato – inserendovi dei titoli per facilitarne la lettura – sono un po’ lunghi ma vi consiglio di dedicarvi qualche minuto per concentrarvi in essi: vale davvero la pena andare fino in fondo … LEGGI TUTTO L'ARTICOLO SU CHANDRA SURYA YOGA 

http://www.chandrasurya.net/2016/04/yoga-religione-e-occultismo-linganno-della-mente/



Simbolo del Sarva Dharma, ciò che unisce tutte le religioni, ovvero la Natura Divina Universale


A PROPOSITO DI YOGA, LEGGI ANCHE

“La radice di tutti i demoni è nella propria mente“, si legge ne I Canti spirituali, la raccolta degli insegnamenti della yogini tibetana Ma cgic Lab sgron, uno dei libri più ispiranti che io abbia mai letto! Se vi sembra una contraddizione rispetto a quanto scritto prima … pensateci bene, anzi. Meditate! “Nella meditazione della natura non-nata della mente pensieri e immaginazione ne sono le manifestazione; permani nella loro intensità vasta e lucida” (Milarepa)








Nessun commento:

Posta un commento