28 maggio 2014

FESTINA LENTE - AFFRETTATI LENTAMENTE (ELOGIO DELLA LENTEZZA)


 “Fermati, come il cavallo che percepisce l’abisso” (Vladimir Majakovskij)

[...] La lentezza non è pigrizia, è attenzione e presenza. È propedeutica a qualsiasi pratica spirituale, di risveglio o di autorealizzazione che dir si voglia: mangiare lentamente, respirare lentamente, parlare lentamente… non c’è testo a tema evoluzione personale che in qualche punto non tiri fuori l’aggettivo lentamente. La lumaca è un grande maestro zen. Non ha mai fretta, gode di quello che ha, molto semplicemente. Racchiude in sé la sintesi delle polarità sessuali, una fusione di maschile e femminile che chiunque dovrebbe potenziare interiormente, prima ancora di andare in cerca dell’anima gemella fuori di sé. Leggi tutto l'articolo, nato dal mio incontro con Luis Sepulveda al Salone del Libro di Torino: Elogio della lentezza | Lumache Zen e Luis Sepulveda

E, a proposito di lentezza, mi piace segnalare questo evento di prossimo svolgimento: Viviamocilento Festival (31 maggio-1 giugno). Protagonista la macchia mediterranea di una delle aree naturalistiche più belle d'Italia, il Cilento che, non a caso, è tutelato come Patrimonio dell’Umanità Unesco per la dieta e lo stile di vita mediterraneo. Punta Licosa, Cala Bianca e Punta Infreschi, la Grotta Azzurra, il sentiero di Apprezzamilasino ed il Museo Vivo del Mare sono solo alcune delle tappe delle escursioni (dalle 10.00 alle 16.00) che si chiudono al tramonto, in riva al mare, per gustare le tipicità gastronomiche (dalle 18.00 alle 19.00): Acqua Cecata, Acqua Sale, Alici ‘mbuttunate, Cannoli, Cavatielli alla cilentana, Ciambotta, Fusilli con la mollica. Giochi “dimenticati” e gare di aquiloni allieteranno i più piccini, mentre con le famiglie passeggeranno alla scoperta della macchia mediterranea (dalle 10.00 alle 14.00). Alla sera il variegato programma musicale, curato dal giovane Direttore Artistico, Giovanni Sparano, andrà incontro a tutti i gusti. Tra i nomi dei tanti artisti che prenderanno parte ai concerti, Eugenio Bennato & Taranta Power che faranno ballare il pubblico di Casal Velino al ritmo della Taranta, gli Afterhours, i Marlene Kuntz. Il tutto a ritmo lento, lontano da logiche di consumo e commerciali, per uno slow festival a misura d’uomo  e per l’uomo, un festival che per la prima volta unisce tutta la costa del Cilento da Castellabate ad Agnone, da Pollica a Casal Velino, da Pisciotta a Palinuro sino a Sapri. Un intero territorio con cui dialogare senza necessità e obblighi di spostamento, che, come nelle comunità della Magna Grecia, vive negli anfiteatri degli spettacoli raccolti per dare spazio alla riflessione e alla rigenerazione, al viversi lento, al viversi dentro.

Costa del Cilento
Informazioni:
www.viviamocilento.it
www.facebook.com/VIVIAMOCILENTO
info@viviamocilento.it
Ticket su:
www.viviamocilento.it
www.ticketone.it

21 maggio 2014

WESAK 2014 E INCONTRO CON GIUDITTA DEMBECH

“Un augurio di luce. Torino è una città speciale, ti porterà fortuna”. Dopo averla  abbracciata personalmente alla fine della cerimonia del Wesak, Giuditta Dembech nella sua immensa generosità, si prende la briga anche di scrivermi un messaggio privato rispondendo a  un mio personale ringraziamento: il suo libro “Torino città magica”, infatti, è stato il mio primo compagno di viaggio durante i giorni del trasferimento da Roma.

Se dovessi fermarmi a  pensare da quando questa “magia torinese” che a più voci mi è stata predetta ha cominciato a mettersi in moto, forse è proprio al mio primo volta pagina con il libro di Giuditta Dembech in mano. Perché - come narrato anche in questo post di febbraio - dietro ai libri ci sono persone e le loro particolari energie assorbite nelle parole (che sono veicoli) utilizzate. Ad ogni modo, il risultato - uno dei tanti dell'incantesimo legato a Torino - è stato che quest'anno ho potuto prendere parte alla cerimonia del Wesak che da oltre 30 anni Giuditta celebra in questa città che, tra l’altro, è la città dove si è svolto pubblicamente per la prima volta in Occidente il Wesak, nel 1981. Ma quello di quest'anno - ci avverte subito Giuditta - è un Wesak speciale.


Giuditta Dembech durante la preparazione del Wesak a Torino, 18 maggio 2014

Su cosa sia il Wesak, sulle sue origini e sulle varie declinazioni cerimoniali, ormai è facile trovare molte informazioni in rete, fermo restando che Giuditta Dembech ha scritto, a riguardo, un testo fondamentale molto esplicativo: “Conoscere il Wesak”.

Basti dire che è l’avvenimento decisivo dell’intero anno spirituale. Quello che voglio riportare è un assaggio di memoria personale,  o anche solo rendere pubblico un ringraziamento speciale per le oltre 500 persone che erano presenti all’evento e che hanno contribuito a quella emanazione di coscienza nuova che ora più che mai contraddistingue il cammino evolutivo dell’umanità. Il fulcro del Wesak a cui ho preso parte domenica scorsa (18 maggio a 3 giorni dalla notte esatta del Plenilunio del Toro che quest’anno cadeva il 14 maggio) è l’idea di comunione e Unità che rende obsoleta qualsiasi separazione di sorta si voglia associare alle esperienze cosiddette spirituali. E infatti, nello schema seguito dalla Dembech per lo svolgimento del Wesak, una parte è dedicata all’ascolto interiorizzato di preghiere, invocazioni, inni appartenenti ad epoche e luoghi del mondo diversi, eppure totalmente affini nella sostanza. “Ascoltate bene e accorgetevi di quanto dicano, in fondo, tutti la stessa cosa” ci esorta Giuditta. 


Il nucleo fondante l’ispirazione comune è un andare al di là di qualsiasi paura, consapevoli del sostegno di una Intelligenza Superiore che non commette errori. Per arrivare a questa sensazione sana di fiducia totale al di là di qualsiasi senso morale di Bene e di Male, è necessario abbandonare una volta per tutte il senso della separazione (torniamo al punto chiave dell’Unità) che è figlio dell’ego e dell’affanno per la sopravvivenza e l’autoconservazione. Non è davvero più tempo per queste sensazioni a vibrazioni basse, siamo entrati nell’epoca dell’accettazione non giudicante che non implica passività bensì forza di volontà (plesso solare)  e forza dell’abbandono (dal Cuore in su), che è molto diverso. Pensateci bene: chi è davvero più “attivo” tra chi – di fronte a un accadimento disturbante – re-agisce immediatamente seguendo i moti istintuali della mente che si mette subito sulla difensiva, e chi, invece, sceglie di non reagire, mette una pausa tra l’accadimento e il comando stimolo-risposta del corpo-mente e sceglie volontariamente  di rimanere al di là del giudizio, affidandosi all’Intelligenza Superiore che lo guida soffermandosi a cogliere l’insegnamento spirituale che si cela dietro l’accadimento? Perché nulla capita a caso e dietro alle manifestazioni materiali ci sono sempre i segnali dell’Anima. Questo significa essere pro-attivi. Non si tratta, dunque, di remissività, anzi. Si tratta di mettere in pratica con cognizione di causa meccanismi di potere molto forti di cui disponiamo tutti indistintamente, se solo ci decidiamo ad aprire gli occhi una volta per tutte.

PAROLE MAGICHE: ABBANDONO

“Bisogna darsi una mossa, questo è il tempo ottimale del cambiamento” – ci sprona Giuditta Dembech dopo averci comunicato che dal Dicembre del 2013 le energie planetarie sono esponenzialmente mutate, potenziate, ed ecco perchè il Wesak del 2014 è speciale: siamo definitivamente entrati in una nuova era, un nuovo modo di agire nel mondo a partire da nuove percezioni della realtà è un destino inevitabile. E’ il piano cosmico universale che si sta attuando e noi – in particolare i nati dopo il 1946 (cioè dopo il Plenilunio dei Gemelli di quell’anno) – ne siamo i “facilitatori” assunti direttamente da Dio. Che ci crediate o no,  questo è il nostro scopo, la nostra missione e gli accadimenti della vita non faranno altro che condurci verso questa direzione. Tanto vale esserne consapevoli ed evitare di procrastinare altre inutili sofferenze legate a schemi di pensiero ormai obsoleti per una nuova umanità.

PAROLE MAGICHE: ESSERCI

La Grande Invocazione – il testo che si recita durante il Wesak – è in tal senso molto esplicativo e può essere ripetuto anche in altri giorni dell’anno, anzi più si ripete (preferibilmente ad alta voce) meglio è. “È il Padre Nostro della nuova era” afferma simpaticamente Giuditta Dembech. L’ultimo messaggio che ci viene dato, dopo aver praticato una intensa meditazione guidata che ci ha condotti direttamente ai piedi del sacro Monte Kailash nell’Himalaya tibetano dove il Wesak pone le sue radici, è questo: “i Maestri ci sono sempre e sostengono il nostro cambiamento”. La Dembech ci affida questo “pensiero-seme” da coltivare fino al prossimo Plenilunio di maggio e mi sembra evidente il senso di incoraggiamento totale che esso contiene. Scegliamo di cambiare in meglio per il benessere nostro e di tutta l’umanità: l’Intelligenza Superiore (l’intero Universo o Dio come lo si preferisce chiamare) ci sosterrà senza riserve.  


Il mio Buddhino personale nella posizione del Sognatore
con il fiore del Wesak - Torino 18 maggio 2014


LA GRANDE INVOCAZIONE

Dal punto di Luce entro la Mente di Dio
Affluisca luce nelle menti degli uomini.
Scenda Luce sulla Terra.

Dal punto di Amore entro il Cuore di Dio
Affluisca amore nei cuori degli uomini.
Possa Cristo tornare sulla Terra.

Dal centro ove il Volere di Dio è conosciuto
Il proposito guidi i piccoli voleri degli uomini;
Il proposito che i Maestri conoscono e servono.

Dal centro che vien detto il genere umano
Si svolga il Piano di Amore e di Luce.
E possa sbarrare la porta dietro cui il male risiede.
Che Luce, Amore e Potere ristabiliscano il Piano sulla Terra.


Mantra
Lokah Samastah Sukhino Bhavantu
Possano tutti gli esseri in tutti i mondi essere felici

Letture consigliate
"Quinta Dimensione" di Giuditta Dembech
"Conoscere il Wesak - La grande iniziazione per tutta l'umanità" di Giuditta Dembech
"Esteriorizzazione della Gerarchia" di Alice A. Bailey
I libri di Sennar Karu che trovate in formato ebook scaricabile gratuitamente sul sito Coscienza Nuova


 
Quinta Dimensione Voto medio su 2 recensioni: Da non perdere
Conoscere il Wesak Voto medio su 1 recensioni: Buono
Esteriorizzazione della Gerarchia Voto medio su 1 recensioni: Da non perdere

05 maggio 2014

SCIAMANI, SCIAMANESIMO E YOGA SCIAMANICO


Riprendere confidenza con il mondo dell'invisibile è il diktat dei tempi che stiamo vivendo, un periodo molto intenso di trasformazione per tutta la Terra, un momento davvero fecondo per chiunque voglia dare una sferzata al proprio processo evolutivo a favore di un recupero integrale del proprio benessere. Intendo per benessere e integrità il riappropriarsi di quella gioia di vivere che è l'unico scopo della nostra vita la quale non è altro che un sogno, un “gioco divino” (lila, come ama definirla la filosofia indiana) e come tale va vissuta: libera da condizionamenti, memorie dolorose, pesi karmici e altre zavorre che appesantiscono il naturale stato di vuotezza e leggerezza che ci compete per diritto di nascita.

Non rimane che "arrendersi" all'evidenza sperimentabile della magia in tutto ciò che ci circonda, ovvero degli strati invisibili delle cose, dell'essenza psichica del mondo materiale, della non oggettività dell'esistenza, dell'unità di fondo che permea ogni nostra esperienza, dell'essenza vibrante di pura luce, puro spazio, puro vuoto, pura energia che noi siamo in quanto microcosmo che ha in nuce tutte le stesse qualità del macrocosmo: le cellule del nostro corpo risuonano con i trilioni di stelle che compongono l'Universo e ogni legge della natura funziona per assonanza in ogni singolo organo del nostro corpo fisico. Siamo fatti di terra, acqua, fuoco, aria, etere. Siamo fatti della stessa sostanza della Terra, e dei sogni - parafrasando poeticamente Shakespeare. Come possiamo dimenticarci di tutto questo? 

A Vercelli, in occasione della mostra di Kandinsky - Aprile 2014
E' tempo di lasciar andare davvero la pesante matassa aggrovigliata che la cultura dominante di stampo materialistico e razionalistico a forte impostazione egocentrica ha impresso nelle nostre menti riempiendole di automatismi che hanno protratto il culto della sofferenza, del vittimismo e dell'espiazione oltre ogni misura - con la complicità delle religioni dominanti. Come amo ripetere spesso, è tempo di riappropriarci anche del vero significato del termine stesso religione che vuol dire semplicemente ri-unificare (re-ligere), ovvero tornare all'Unità.

Leggi anche: QUELLA VIA ERETICO-EROTICA ALL'UNITA'

La religione più spontanea della Terra è quella che possiamo chiamare spiritualità di natura perché non c'è niente di più ri-unificante che il puro esistere gioioso privo di chiacchiericcio mentale, tipico degli esseri che vivono in tale stato naturale: riuscite a percepire, osservandolo attentamente, la quiete di un albero (anche quando un temporale devasta i suoi rami), di un lago (anche quando una burrasca scuote le sue acque), di un prato d'erba, di un cigno, di una formica e via dicendo, qualsiasi circostanza esterna ci sia? Anche noi siamo parte di questo universo naturale dove l'unico comandamento che vige è la forza della vita (la pura energia vitale). In più - in quanto esseri umani fatti per "trascendere" il puro stato vegetale e animale - abbiamo come dotazione una supermente che, se utilizzata bene (di solito ci avvaliamo solo del 10% dell'intero potenziale!) è uno strumento di potere inimmaginabile, come approfondito in questo post dedicato al Risveglio dell'energia vitale Kundalini.

“Utilizzare bene la mente” vuol dire anche risvegliare le facoltà mentali meno legate al pensiero e più connesse alle qualità superiori dell'intuizione, della visualizzazione immaginale, della creatività. Vuol dire tornare ad essere sciamani, saper dialogare con le forze invisibili che permeano il mondo visibile, edificarsi una dimora fatta di sogni che scegliamo noi di vivere e distruggerla ogni volta che è divenuta troppo stabile, vuol dire fluire nel cambiamento in totale armonia con le leggi della natura e del nostro daimon, il richiamo e la vocazione dell'anima. A tal proposito, potete leggere anche questo articolo pubblicato su Quantic Magazine: Dall’ipnosi materialistica al sogno creativo: il cammino del “fare anima”.

Per una immersione nel mondo sciamanico, suggerisco alcuni eventi in corso oppure prossimi alla scadenza, da non perdere. 

Wassily Kandinsky, Composizione su bianco, 1920
Innanzitutto, la bellissima mostra "Kandinsky, l'artista come sciamano" allestita a Vercelli fino al 6 luglio 2014 (www.mostrakandinsky.it). Oltre alle ispiranti tele dell'artista sono esposti molti abiti, strumenti e tamburi utilizzati dagli sciamani della Siberia: immaginate che carica energetica può esserci nelle sale!

"Nel loro habitat, per la prima volta nella vita, trovai qualcosa di veramente meraviglioso, e questo prodigio diventò l'elemento di tutti i miei lavori successivi". Queste la parole di Kandinsky - il quale, ricordiamolo, prima di dedicarsi all'arte pensava di diventare antropologo - dopo il suo viaggio nella regione dei komi, 880 km a nord-est di Mosca dove si recò per studiare le credenze delle tribù ugro-finniche. Poi navigò verso est lungo il fiume Suchona, penetrando nelle foreste di un "altro mondo" come egli lo ricorda, dove la gente credeva ancora negli spiriti e nei demoni. L'esperienza spirituale dello sciamanesimo in Siberia e l'esperienza del colore nelle izbe dei contadini russi trasformò la vita di Kandinsky e, di conseguenza, la sua stessa arte che, da quel momento in poi risultò intrisa di suggestioni sciamaniche.

"La questione non è quella di rinunciare a raffigurare un oggetto in pittura - afferma l'artista al rientro dal suo "viaggio iniziatico" - ma di una modificazione interiore che trasformi una visione del mondo razionalistica, in una visione spiritualistica e irrazionale". E ancora: "Battute inattese di tamburo, stimoli e nostalgie dilaniate, catene e pastoie spezzate che portano dal molteplice all'unità" (Wassily Kandinsky).


Leggi anche: IL TAM TAM DELLA SIBERIA, SIBERIA: QUELL'IMMENSA DISTESA AD EST DEL CUORE, meravigliosi reportage con la traccia inconfondibile di Alberto Caspani


Sciamani argentini, foto di Nonterapia
Evento eccezionale è quello del Ritiro Sciamanico con Selene Calloni Williams organizzato a Lenno (CO) dal 16 al 18 maggio presso l'Abazia dell’Acquafredda dove praticare rituali sciamanici di incomparabile valore sotto la guida della precorritrice in Europa dello Yoga Sciamanico. Nelle tre giornate la dott.ssa Selene Calloni Williams spiegherà a livello sia teorico che esperienziale antichissimi rituali e pratiche meditative da lei appresi nel corso di oltre venticinque anni di studi, approfondimenti e viaggi in Asia. A soli 19 anni è stata iniziata da un grande maestro di yoga sciamanico ad arcaici saperi orientali, come la trance sciamanica e il rituale di guarigione dei costituenti dell’essere.

"La psicologia naturale è una psicologia della felicità nella quale il tema della felicità sostituisce il problema della normalità. Una psicologia della felicità non mira a creare  modelli per domare la natura e per sfruttare il mondo esterno, bensì tende a portare alla luce ciò che assilla l’uomo, a scoprire ciò che inganna la sua vera natura e a rivelare il suo Sé interiore".

In queste parole di Selene sono racchiuse perle di saggezza e  preziosi insegnamenti che conducono a un nuovo paradigma esistenziale e sociale, caratterizzato da un rapporto armonico, non duale, tra uomo e natura. Per intraprendere questo cammino in direzione di una trasformazione positiva delle coscienze si parte da un mutamento interiore, dalla modificazione delle emozioni negative in positive e dalla “metamorfosi” cellulare, attraverso un processo che porta a quella “gioia cellulare” di cui parla Mère, madre dello Yoga Cellulare, compagna spirituale del grande maestro e filosofo indiano Sri Aurobindo che, tra le sue massime, ne aveva una bellissima: "Che tutto in te sia gioia, questa è la tua meta".

Lo Yoga sciamanico è il mezzo naturale, ancestrale e autentico per avviare questa trasformazione dell’essere umano, della sua mente e delle sue cellule. Lo Yoga sciamanico è lo strumento principe che trasmuta le emozioni negative e genera vibrazioni di gioia. Praticare lo yoga sciamanico significa ricollegarsi alla propria anima, al proprio mondo interiore, facendo fuoriuscire potenzialità latenti. Il Ritiro Sciamanico conduce quindi a un riavvicinamento alla Grande Madre, alla Natura, a una profonda guarigione dell’anima. Lavorando sui principali chakra e sulla respirazione attraverso particolari tecniche si percepiscono gli elementi quali acqua, aria, terra, fuoco e spazio. Il lavoro su questi elementi tramite lo yoga sciamanico è molto potente, poiché fa  emergere intense energie e flussi di coscienza sopiti dallo stress, dalle ansie, dalle frenesie contemporanee. Ulteriori informazioni (prezzi, modalità di iscrizione e letture consigliate) sulla pagina ufficiale dell'evento di Nonterapia a questo link

Alessandra Gianoglio con lo sciamano Mauro "Thamaak" Giulianini

Suggerisco inoltre la lettura di questa vibrante intervista di Alessandra Gianoglio: Incontrando uno sciamano a ZEN-A: Intervista a Mauro“Thamaak” Giulianini, dove trovare stimolanti risposte a queste domande:  Che cosa vuol dire essere uno sciamano oggi, in tempi moderni? Come facciamo a riconoscere un suono giusto per noi? Come può fare una persona a seguire quel qualcosa che “ti spinge dentro?”

Viaggi sciamanici:
DONNE CHE DIVENTANO DEE: MAGIE DAL TIBET INDIANO

"FARE ANIMA": IL MARE DI BIANCO
VARANASI: DEEP IMPACT
VARANASI: L'ARRIVO AL GANGE
VARANASI: LUNA PIENA E GANGA AARTI